Fino a che punto può spingersi il prezzo dell’indice S&P 500?

Analisi della fase di consolidamento nei mercati azionari statunitensi nell’indice S&P500

“Sell in May and Go Away “ è il famoso detto del mercato azionario che ci informa sulla marcata natura stagionale, che i mercati azionari di solito mostrano a maggio e che possiamo vedere riflessa nel grafico dei futures S & P500, soprattutto quando hanno sviluppato una significativa tendenza al rialzo nel prima parte dell’anno. Fino a che punto può spingersi il prezzo dell’indice S&P 500?

Analisi del grafico dei prezzi dell’indice S&P500

Ed è proprio questo il caso attuale, dove l’indice azionario globale più ampio e rappresentativo, l’SP 500, accumula una rivalutazione annua ai tempi attuali del + 12%, dopo aver segnato numerosi massimi storici consecutivi, e accumulato un rialzo dai minimi di la pandemia di 2.020 di niente di più e niente di meno del + 90%.

È indiscutibile che l’attuale trend di mercato sia al rialzo, ma lo è anche il fatto che i mercati, per loro natura, sviluppano i propri andamenti con impulsi e correzioni, e che per il momento deve avvenire una correzione minima proporzionale allo stiramento ascendente visualizzato .

Quindi i primi motivi per essere cauti con i livelli attuali dei prezzi sarebbero l’elevato grado di ipercomprato raggiunto, insieme al fattore negativo della stagionalità, che da maggio all’ultimo trimestre dell’anno, caratterizza solitamente il comportamento del mercato azionario. (Fino a che punto può spingersi il prezzo dell’indice S & P500?)

Altre minacce de tenere in conto

Detto questo, commenteremo alcune altre minacce a cui prestare attenzione, che a breve termine potrebbero diventare una fonte di volatilità nei mercati azionari:

  1. La prima preoccupazione agli occhi degli investitori sono i segnali di pressioni inflazionistiche che si stanno manifestando sui mercati. È vero che la comparsa di un’inflazione moderata e transitoria è scontata nei prezzi, ma il problema potrebbe sorgere se i cognomi “moderato e transitorio” non venissero finalmente adattati al comportamento finale di questa variabile.
  2. Da un lato, abbiamo l’impressionante rimbalzo dei prezzi delle materie prime, che secondo l’indice Bloomberg sono ai livelli più alti dall’agosto 2015. In alcune importanti materie prime, come il rame ad esempio, si parla di esaurimento delle scorte nei prossimi mesi, mentre altre (ferro, legno, ecc.) Stanno registrando aumenti vertiginosi.
  3. Non c’è dubbio che questo aumento dei prezzi delle materie prime si ripercuoterà sui prezzi finali delle merci, e quindi dovremo rimanere molto attenti alle modalità e al ritmo con cui si svolge questo evento. Al momento, il consenso del mercato è che la Fed non toccherà i tassi di interesse fino al 2023, ma questo potrebbe cambiare se il previsto rimbalzo dell’inflazione non sarà né moderato né transitorio. (Fino a che punto può spingersi il prezzo dell’indice il prezzo dell’indice S&P 500?

Osserviamo che:

  • La prima call viene acquistata per 14,00 USD e la seconda viene venduta a 6,00USD. Quindi ci costa 8,00 USD in totale. Tenendo conto del moltiplicatore di 50, dobbiamo pagare 400 USD.
  • Questo è quindi uno spread a debito, ci costa denaro. La posizione è rialzista e lo spread è al di sopra di dove si trova il mercato al momento, OTM (out-of-the money).

Quali dati ci dà l’economia americana?

In questo senso, i dati mostrano che l’economia degli Stati Uniti, la locomotiva del mondo, si sta impennando, con il PIL del primo trimestre che cresce a un tasso del +6,4%, e tassi del +10% previsti per il secondo trimestre.

È un fatto che le economie si stanno riprendendo molto più velocemente del previsto, e le dichiarazioni realistiche dell’attuale presidente del Tesoro americano Janet Yellen che potrebbe essere necessario aumentare i tassi man mano che l’economia si riprende è un segnale che non possiamo ignorare.

D’altra parte, è anche un fatto che gli attuali massimi delle azioni sono sostenuti da ottimi risultati aziendali. Con il 90% dei risultati delle aziende SP 500 già pubblicati, l’80% di loro è stato superiore alle aspettative, in media il 20% in più. Anche queste cifre sono record, ma molto probabilmente sono già scontate ai livelli di prezzo attuali. Il P/E dell’SP 500 è superiore a 40x, quando la sua media storica è di circa 16x. Una volta che la stagione dei guadagni è finita, potrebbe esserci poco di più positivo da scontare per i mercati nell’immediato breve termine.

Quali altre minacce ci sono in questa situazione?

Infine, un altro elemento di preoccupazione a breve termine è l’annunciato aumento delle tasse negli Stati Uniti, attraverso l’aumento delle imposte sulle società per le aziende, così come l’imposta sul reddito personale per i cittadini. L’aliquota massima di ciò che equivarrebbe alla nostra imposta sul reddito personale negli Stati Uniti è attualmente del 37%, e la proposta presentata è di portarla al 39,6%, per il prossimo anno, il che potrebbe indurre le vendite nella seconda parte dell’anno, al fine di materializzare le plusvalenze, che altrimenti sarebbero colpite da questo aumento delle imposte.

D’altra parte, l’imposta sul reddito delle società negli Stati Uniti (IRES) è attualmente al 21% dei profitti aziendali, mentre la proposta del presidente Biden è di portarla al 28%, il che ridurrebbe significativamente i livelli di utili per azione previsti, in un mercato con multipli P/E già alle stelle. (il prezzo dell’indice S&P 500?)

Quindi come valutiamo l’indice S&P500?

Tutto ciò ci rende cauti sulla performance a breve termine dei mercati. Senza dimenticare che la loro tendenza attuale continua ad essere rialzista, un consolidamento dei rialzi, sia laterale e a tempo o correttivo, è a nostro avviso uno scenario molto probabile. In queste tipiche fasi di consolidamento, c’è di solito una riorganizzazione, o rotazione dei portafogli, in cui i titoli di tipo “Value”, e quelli legati alle Commodities, fanno meglio dei titoli growth, che sono stati i protagonisti dei rialzi nell’attuale tratto ascendente dei mercati.


I commenti fatti in questo articolo sono stati fatti da un collaboratore esterno di iBroker. Le operazioni presentate e il materiale fornito sono a solo scopo educativo e non costituiscono in nessun caso una consulenza professionale, una proposta di investimento o una raccomandazione operativa. iBroker Global Markets Sociedad de Valores, S.A. non è responsabile delle conseguenze delle informazioni diffuse né può garantire che le informazioni siano accurate e/o complete.

Anche i futures e le opzioni sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. I futures e le opzioni non hanno una protezione del saldo negativo e le perdite possono superare il saldo in deposito sul vostro conto.

vai al sito

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.plugin cookies

ACEPTAR
Aviso de cookies